Primavera di tendenza

Come ogni stagione, la moda detta le regole e mostra, insieme all’aspetto fashion, anche quello beauty. Il makeup delle modelle è spesso elaborato e richiede ore, ma noi ne abbiamo catturato i punti chiave e li abbiamo semplificati, in modo da farvi essere al passo con i dettami della moda, senza dover, però, creare trucchi complessi per le vostre clienti. Questi sono alla portata di tutti e, in più, vi spieghiamo come realizzarli.

Smoky eyes in versione soft
Al posto del nero assoluto, si possono usare tonalità come il bronzo o il grigio: per questa primavera, la tendenza, infatti, è decisamente soft e punta su nuance più “mettibili” e meno rischiose del total black, ovvero il marrone profondo, spesso chiamato “espresso”, ma anche con finish metal (come vedremo poi) e il grigio. In particolare, il marrone intenso è una tonalità perfetta per un look sofisticato da sera, ma anche per il makeup da giorno, specialmente se lasceremo le labbra piuttosto neutre, truccate semplicemente con un gloss trasparente o un rossetto satinato nude.
Oltre alla differenza dal punto di vista cromatico, cambia anche il metodo di applicazione. Partendo dal presupposto che il risultato finale è, comunque sia, più delicato rispetto allo smoky eye dell’anno scorso, gli occhi vanno pur sempre definiti e lo strumento indispensabile è una matita morbida, dalla texture facilmente sfumabile, sempre mocha brown. Invece, per un’ulteriore enfasi, si utilizza il kajal nero (altro ritorno di questa primavera), da passare non soltanto sul bordo inferiore, ma anche su quello superiore, proprio all’attaccatura delle ciglia. L’effetto è uno sguardo molto languido e, anche se gli occhi appariranno otticamente rimpiccioliti, ci guadagneranno in sensualità.

Ombretti: dal rosa al lilla
La primavera porta con sé anche una palette di nuance leggere, romantiche e molto femminili. In particolare, quest’anno tornano di gran moda gli ombretti rosa in tutte le declinazioni, dal cipria al lilla. Le texture migliori sono mat o appena satinate, mentre quelle perlate rischiano di creare un look “anni ‘80” o di mettere in risalto le rughette del contorno occhi.
Se si consiglia una tonalità piuttosto naturale, si può anche applicarla con i polpastrelli, al posto del pennello, per risparmiare tempo. Oppure si può usare un pennellino per sfumare il colore dall’attaccatura delle ciglia fino all’arcata sopraccigliare oppure appena sopra alla piega palpebrale. Se si desidera un effetto leggermente più marcato, basta aggiungere, poi, una nuance di intensità media dalle ciglia verso l’alto e verso l’esterno.

Metal, maneggiare con cura
Splendidi nelle foto, di grande impatto sulle passerelle, vanno, però, saputi dosare con attenzione, soprattutto su palpebre non più giovanissime, perché il rischio di enfatizzarne le rughe è molto elevato. Vanno perciò applicati in piccole quantità per il maquillage da giorno, mentre per la sera si rivelano perfetti per un trucco di grande impatto. Una buona scelta è il matitone ombretto, che traccia una riga precisa ma sfumabile, e non crea spessore (tante le referenze presenti in farmacia). Da notare, infine, che il finish metal è molto simile, in realtà, a quello perlato o nacré: quest’ultimo, però, è più delicato e romantico; il metallizzato, invece, è più strong.

Il kajal
Chiamato anche Kohl (soprattutto nella versione in polvere, che, però, è meno pratica), è un trucco per gli occhi che nasce in Medioriente, usato già nell’Antico Egitto e in Arabia non soltanto con funzione cosmetica, ma anche come antibatterico. Sembra addirittura che venisse utilizzato per tenere lontano il “malocchio”. In polvere o pasta cerosa, era applicato con un bastoncino di legno.

Attualmente, soprattutto per comodità, si usano le matite, nere o colorate. La riga scura all’interno della rima palpebrale è perfetta per rendere lo sguardo misterioso e profondo. Di contro, tende a far sembrare gli occhi più piccoli. Per questo, esistono anche le matite chiare, bianche o beige, utilissime se si hanno gli occhi piccoli, perché li fanno apparire più aperti. Usare la matita bianca come kajal è un trucco furbo anche quando si ha lo sguardo stanco, perché rende gli occhi più brillanti.

Con una semplice passata che richiede davvero pochi secondi, il kajal nero valorizza tutto il viso regalando un fascino esotico e sensuale. Poiché si applica nella rima palpebrale, che è delicatissima e sensibile, il consiglio è scegliere una formula con un payoff immediato, cioè che rilasci un colore intenso e a lunga tenuta già alla prima passata, grazie all’alta concentrazione di pigmenti. Tra l’altro, le formule più nuove ben presenti in farmacia tengono conto delle peculiarità degli occhi sensibili e sono sempre oftalmologicamente testate.

Labbra: rosse o molto naturali
Se il rosso assoluto spaventa perché troppo audace o non adatto, è importante sapere che esiste il punto cromatico perfetto per ogni donna. Basta individuare il sottotono della nostra cliente, caldo o freddo, in base alla sua carnagione: se tende al dorato, la scelta sarà un rosso mattone. Se tende al roseo, l’ideale sarà un rosso ciliegia. L’importante è, poi, applicare il rossetto con precisione, senza debordare rispetto al contorno labbra.
Per quanto riguarda invece il rossetto “naturale”, attenzione a non consigliare tonalità troppo chiare: la regola è non truccare mai le labbra con un colore più chiaro di quello della superficie labiale. Meglio preferire una nuance molto simile o appena più scura.
Le formule di ultima generazione sono smudgeproof (a prova di sbavatura), i pigmenti restano inalterati e l’effetto è di grande comfort, nonostante la texture sia peso piuma grazie agli oli volatili e agli attivi idronutrienti.

Ricapitolando…
Queste le indicazioni principali per il makeup della primavera 2019:
occhi
• Smoky eyes soft, nelle tonalità del bronzo o del grigio, non total black
• Sì alla nuance marrone intenso, soprattutto per il makeup della sera
• Ombretti rosa, lilla e naturali
• Ombretto metal ok, ma con moderazione
• Largo al kajal con matita nera o, viceversa, molto chiara (bianca oppure beige)
labbra
• È il momento del rosso, preferibilmente mattone o ciliegia
• Di tendenza anche i trattamenti naturali, dello stesso colore delle labbra (gloss trasparenti o rossetti nude).

Scelti dalla redazione

(a cura di Annalisa Betti, Panorama Cosmetico 2/2019 © riproduzione riservata)

2019-04-23T14:15:19+00:00