Leggere come piume

Con l’arrivo dell’estate aumentano i casi di fastidi e gonfiore alle gambe, tipici dell’effetto del calore sulla circolazione. Un problema che non va sottovalutato perché dietro a un comune e frequente senso di pesantezza dovuto all’aumento delle temperature, potrebbe nascondersi un problema più serio di insufficienza venosa, per via del sangue che fatica a risalire fino al cuore. Un disturbo che, se non curato, può aggravarsi fino alla comparsa di dolore, crampi notturni, varici o perfino ulcere.

Alle clienti (ma anche ai clienti, dato che il problema non è di pertinenza esclusivamente femminile) che accusano pesantezza e gonfiore agli arti inferiori è sempre bene consigliare di sottoporsi a un controllo medico, ma anche di adottare alcuni comportamenti virtuosi come mantenere una vita poco sedentaria, praticare attività sportiva leggera (come, per esempio, camminare o andare in bicicletta), evitare gli indumenti troppo stretti e bere molta acqua. Fondamentale, infine, seguire una dieta con poco sale e pochi grassi e ricca, invece, di frutta e verdura fresche di stagione, fibre e proteine magre.

Ai clienti va anche ricordato che la funzionalità circolatoria risente delle alte temperature e che, quindi, in spiaggia è bene adottare alcuni accorgimenti, come evitare di esporle al sole diretto (e utilizzare, in ogni caso, una protezione solare) e rinfrescarle di frequente con l’acqua. La spiaggia può anche essere l’occasione per fare un po’ di movimento, camminando sul bagnasciuga per sfruttare il potere rinfrescante dell’acqua di mare e il benefico effetto massaggiante della sabbia. Alla sera, per dare sollievo a gambe, caviglie e piedi affaticati va bene concedersi una bella doccia tonificante che potrà concludersi con un getto più freddo e, per la notte, si può suggerire di dormire con i piedi leggermente rialzati, per esempio posizionando un cuscino sotto al materasso all’altezza dei piedi.

Un aiuto, poi, può arrivare anche dai cosmetici e dagli integratori alimentari. I primi agiscono localmente e sfruttano i benefici di attivi vegetali rinfrescanti, stimolanti del microcircolo e vasoprotettivi come mentolo, rosmarino, ippocastano, centella, edera, rusco e vite rossa, ma anche antiossidanti quali, per esempio, ginkgo biloba e vitamina E. L’azione dei principi attivi, unita al gesto del massaggio -a salire dai piedi verso gambe e cosce- permette di stimolare la microcircolazione e di ritrovare sollievo. A questi trattamenti possono essere abbinati degli integratori alimentari da assumere una o due volte al giorno per cicli di 15/30 giorni, eventualmente da ripetere su consiglio del medico o del farmacista.

(di Ilaria Sicchirollo, Panorama Cosmetico 3/2019 © riproduzione riservata)

 

Scelti dalla redazione

2019-07-09T10:04:54+00:00