Farmadaily: la carta sbarca sul gestionale

Nasce “farmadaily”, un nuovo servizio di comunicazione che raggiunge i farmacisti con tempestività, autorevolezza e capillarità. Questa è la notizia che, come tale, va “sparata” subito, ma per capirne il significato e l’importanza bisogna fare un passo indietro.
“Troppa informazione, nessuna informazione”, diceva Umberto Eco, ripercorrendo una vecchia legge (malattia) del giornalismo e che ora il web ha esasperato, cioè la “sindrome da sovraccarico di informazioni”. Lasciamo perdere il pericolo delle fake news, purtroppo sempre più dilagante, ma anche la buona informazione, quando è eccessiva, diventa cattiva, un pericolo non meno insidioso perché provoca confusione, distrae e fa perdere tempo.

Lo sanno bene anche i farmacisti, ormai quotidianamente tempestati da newsletter, webmagazine, siti d’opinione che si accumulano sulla già folta presenza dei periodici a loro dedicati. Ma siamo sicuri che queste informazioni raggiungano i farmacisti quando a loro serve, là dove serve e contemporaneamente per l’intero canale? D’altra parte è proprio questo l’obiettivo che si pongono sia chi le informazioni le riceve, sia chi le dà. E non è soltanto un fatto legato alla bontà dell’informazione fornita (“quella che serve”), ma anche relativo al mezzo e al modo con cui essa giunge al lettore (“là dove serve”). Un obiettivo non facile da raggiungere, ma è proprio quello che si è posto “Farmadaily”, la testata di un nuovo strumento di comunicazione che raggiunge il farmacista in modo immediato e autorevole.

Proprio l’obiettivo che si sono posti i due ideatori dell’iniziativa -Fablab, business unit di CGM ed Editoriale Giornalidea– due leader nel settore della medical information technology e dell’informazione multimediale, che hanno deciso di far nascere in partnership “Farmadaily”, per portare il know-how di una consolidata esperienza giornalistica direttamente nel gestionale Wingesfar, il più diffuso nelle farmacie italiane.

«Farmadaily garantisce un’informazione multichannel proiettata al futuro» dice Piero Conte (a sinistra in foto), general manager di CGM Fablab «perché raggiunge un farmacista sempre più abituato al mix tra canali tradizionali e canali digitali. E lo raggiunge in modo autorevole e capillare quando ha di fronte il paziente, cioè quando la news sul prodotto diventa per lui più utile ed efficace». Proprio qui sta la ratio della partnership tra CGM Fablab e Giornalidea: mettere insieme le loro diverse expertise per concentrare la potenza di fuoco e garantire così non soltanto l’autorevolezza di un’informazione accreditata, ma anche la sua totale e contemporanea copertura.
«Editoriale Giornalidea mette a disposizione le sue pubblicazioni» precisa Matteo Verlato (a destra in foto), direttore marketing e promotore dell’iniziativa «e cioè Farma 7, Farma Mese, Panorama Cosmetico, che raggiungono più volte al mese tutte le farmacie italiane, oltre agli strumenti digitali Pharmacy Scanner e myBeauty.it, leader nei rispettivi settori e che stanno registrando un continuo incremento di utenti. L’importanza di questa sinergia si misura non soltanto nell’ampio ventaglio e nella serietà e notorietà degli strumenti coinvolti, sia cartacei, sia digitali, ma si sostanzia anche nei numeri che testimonieranno l’impatto dei servizi Famadaily».

D’altra parte, se Editoriale Giornalidea ha fatto della farmacia il centro della sua attività editoriale, con pubblicazioni ora anche digitali focalizzate sull’attività professionale e gestionale del farmacista, Fablab, unità strategica di CompuGroup Medical, specializzata nell’innovazione tecnologica multicanale, grazie alla presenza capillare di CGM in oltre 8.000 farmacie italiane, potrà garantire l’invio di messaggi calibrati e selezionati attraverso i suoi gestionali, offrendo ampia copertura grazie a milioni di impression. Si offrono così al farmacista sia occasioni d’aggiornamento, sia informazioni utili nella fase di couselling ai propri clienti.

Peraltro va ricordato che CGM Fablab fornisce software e servizi a oltre 15.000 medici di medicina generale e pediatri, con strumenti d’impatto come Mim, e-magazine d’informazione medica, con Multichannel Marketing e con Medicitalia, piattaforma web che conta 6 milioni di visitatori unici al mese. Un partner, quindi, che può approfondire il dialogo tra medici e farmacisti, tanto opportuno in vista dell’auspicata deospedalizzazione dei servizi e di una più efficace gestione territoriale della sanità.

Ma non solo. «L’avvento del gestionale» precisa Piero Conte «ha già potenziato e semplificato il lavoro gestionale e amministrativo del farmacista in farmacia e ora può anche facilitare l’accesso al mondo dell’informazione e dell’aggiornamento. Inoltre, consentirà di intensificare anche il dialogo tra azienda e farmacia grazie alla molteplicità dei mezzi editoriali utilizzati».

Pensiamo, per esempio, alla comunicazione per il lancio di nuovi prodotti, oppure alle informazioni legate alla carenza di farmaci, o ancora alle notizie sulle attività media e commerciali o alla necessità di sostenere la brand reputation dell’azienda. «Tutte informazioni impattanti, che ora possono coprire il canale farmacia in modo tempestivo e capillare» assicura Matteo Verlato. «Offriremo al farmacista un’informazione utile alla scelta e al consiglio e all’azienda una maggiore memorizzazione della sua offerta».

(Farma Mese 10-2019 © riproduzione riservata)

2020-01-09T09:49:52+00:00