Belli dentro

Sono fonti concentrate di nutrienti o altre sostanze con effetto fisiologico e non hanno una finalità terapeutica, ma sono ideati per favorire nell’organismo il regolare svolgimento di determinate funzioni, la normalità di specifici parametri o per contribuire a ridurre determinati fattori di rischio. Gli integratori alimentari sono, a tutti gli effetti, degli alimenti, presentati in piccole unità di consumo come capsule, compresse, fiale, bustine, il cui scopo è integrare la normale dieta, contribuendo al benessere dell’organismo. Non possono sostituire un’alimentazione bilanciata, ma la loro assunzione può essere utile in particolari momenti della vita o nel supportare le funzioni fisiologiche dell’organismo per mantenere un buono stato di salute, affiancato da un corretto stile di vita, un regime alimentare equilibrato e un adeguato livello di attività fisica.
Di recente il ministero della Salute ha diffuso un decalogo per informare i consumatori sul loro corretto utilizzo, sottolineando l’importanza di un uso consapevole. Il farmacista, quindi, nel proporli ai clienti, dovrà fornire tutte le informazioni necessarie, perché spesso c’è, nel consumatore, l’erronea convinzione che l’integratore possa compensare comportamenti scorretti come diete non adeguate o scarsa attività fisica e che, trattandosi di prodotti di origine naturale, se ne possano assumere quantità arbitrarie. In realtà, come ben spiegato nel decalogo, gli integratori sono concepiti per contribuire al benessere e non per la cura di condizioni patologiche, (che vanno, invece, trattate con i farmaci), e l’uso di quantità superiori a quelle indicate non offre risultati fisiologicamente migliori, ma rischia di snaturarne gli effetti. Effetti che devono essere chiaramente indicati in etichetta e preventivamente autorizzati dalla Commissione europea, dopo l’accertamento del fondamento scientifico da parte dell’European food safety Authority (Efsa). Il Ministero si sofferma, infine, sull’importanza del dialogo tra medico e paziente per accertarsi che non vi siano controindicazioni con l’uso corrente di farmaci e questa regola vale a maggior ragione per i bambini oppure in caso di gravidanza o allattamento. Importante, infine, che il consumatore comunichi prontamente al medico o al farmacista l’eventuale insorgenza di effetti non previsti, affinché, proprio come avviene per i farmaci, si possa segnalare l’evento al preposto sistema di vigilanza (in questo caso Vigierbe).

AL SERVIZIO DELLA PELLE
Gli integratori alimentari pensati per la bellezza e la tonicità della pelle hanno prevalentemente una funzione di difesa dai radicali liberi, responsabili dello stress ossidativo e dell’invecchiamento cutaneo e di aumento di collagene, per mantenere elastica e tonica la pelle. Alla base del processo di invecchiamento cellulare, infatti, c’è l’inflammaging, uno stato di infiammazione basale che avanza di pari passo con l’età e che dipende dal sovrapporsi di diversi fattori quali, oltre al passare del tempo, stress, inquinamento, alimentazione sbagliata, fumo, alcol, sedentarietà. Gli integratori alimentari specifici per queste esigenze contengono sostanze come il glutatione, un antiossidante che contrasta l’azione dei radicali liberi, ha la capacità di attivare altre sostanze antiossidanti come vitamine C ed E ed elimina le tossine nel tratto gastrointestinale. Le vitamine C ed E, inoltre, svolgono un ruolo fondamentale contro lo stress ossidativo e i danni da raggi Uv e per questo sono presenti nella quasi totalità degli integratori alimentari per il benessere della pelle. La vitamina C, in più, è fondamentale per la sintesi del collagene, indispensabile per il mantenimento della tonicità della cute, e prezioso per la buona salute di ossa, cartilagini, muscoli e vasi sanguigni.
Più recente, grazie all’avvento di nuove tecnologie in grado di analizzare batteri e microbi in base alla caratterizzazione genetica, è l’introduzione, in queste formulazioni, di probiotici per modulare il microbiota, cioè l’insieme delle comunità microbiche presenti sulle mucose (tratto gastrointestinale, polmoni, tratto genitourinario, cute) e dei relativi geni (microbioma). L’obiettivo è migliorare le risposte del sistema immunitario e le manifestazioni cutanee come l’acne. Si tratta si una vera e propria rivoluzione che sta aprendo le porte a nuovi scenari.

PER IL BENESSERE DI CAPELLI E UNGHIE
Anche gli annessi cutanei come capelli e unghie possono trarre giovamento dall’assunzione di integratori alimentari specifici. Gli ingredienti sono soprattutto le vitamine (in particolare C, E e biotina) che contribuiscono al benessere della cute e a contrastare lo stress ossidativo, e i minerali come lo zinco, il ferro e il selenio che contribuiscono a rendere più forti i capelli e le unghie. In caso di caduta dei capelli, spesso gli integratori intervengono quale complemento dei trattamenti topici quali shampoo e lozioni.

(di Ilaria Sicchirollo, Panorama Cosmetico 5/2019 © riproduzione riservata)

 

Scelti dalla redazione

2020-01-14T11:13:52+00:00