Rapsodia in Classic Blue

Come ogni anno, Pantone -la massima autorità mondiale per tutto ciò che riguarda i colori- ha eletto il “Colour of the Year” e per il 2020 la tonalità scelta è Classic Blue 19-4052 Tcx: più scuro dell’azzurro ma meno del blu navy, senz’altro più sobrio del blu copiativo, questo preciso punto di blu è un colore tranquillo, che ricorda il mare, ma è perfetto anche in un ambiente urbano. Per l’abbigliamento non rappresenta una novità, lo conosciamo bene in quanto appartiene al guardaroba tradizionale, sappiamo che è facile da adottare tanto in un contesto informale quanto nel business; ma per il makeup il discorso cambia ed è più complesso: il blu va usato, infatti, con cautela perché è la tonalità più fredda di tutto lo spettro cromatico.

Non è un colore per tutte
Con questa premessa, possiamo dire che il risultato perfetto e più elegante è su una mora con pelle chiara, con sottotono freddo, ovvero tendente al rosa. In particolare, più gli occhi sono scuri, più si può osare con l’intensità del trucco. Al contrario, l’unico tipo a cui invece dona poco è la bionda con toni caldi, perché il contrasto cromatico sarebbe eccessivo.

In ogni caso, uno dei primi elementi da tenere in considerazione è che la base deve essere perfetta. In particolare, ora che la carnagione è chiara, si deve uniformare la pelle rendendola luminosa e levigata; quando arriverà l’abbronzatura, potremo consigliare di indossare un trucco occhi che abbia il blu come protagonista anche senza applicare il fondotinta, ovvero su pelle nuda.

Possiamo, dunque, azzardare ora una regola di base: via libera sugli occhi scuri. Se si sceglie questa nuance è perché si vuole osare, perciò niente mezze misure. Se, invece, gli occhi sono chiari, può essere indicato delinearli con un tratto nero o antracite, per aumentare la definizione.

Altra considerazione importante: Classic Blue è più adatto per la sera, soprattutto se usato come ombretto. Se, invece, scegliamo una matita o un eyeliner, risulta più sobrio e dunque adatto anche per il giorno. Inoltre va fatto presente alla cliente che andrebbe usato soltanto se ci si sente in forma e riposate, mai se si è stanche, in quanto tende a evidenziare le occhiaie, rendendo lo sguardo ancora più sofferto.

Per gli occhi
Il blu ha anche importanti aspetti positivi: esalta il bianco della cornea e rende lo sguardo più sexy e vibrante, aggiungendo profondità più di quanto possa fare il classico nero, che da questo punto di vista rischia di indurire i lineamenti e non è sempre facilmente gestibile da chi non ha la mano esperta. Inoltre, dato che più la tonalità è intensa e profonda, più è facile da portare, per chi non si sente a proprio agio con le palpebre interamente truccate con una nuance blu vivace, l’alternativa più discreta e meno impegnativa da consigliare è, come abbiamo accennato prima, un semplice tratto di eyeliner, oppure di matita o kajal, per rendere lo sguardo misterioso e languido. Da ricordare, in questo caso, che l’effetto di profondità penalizza l’apertura degli occhi, che appariranno più piccoli. Questa variante è, infatti, sconsigliata a chi li ha già un po’ infossati. Con il blu, infine, si può creare anche un luminoso smokey eye in versione di tendenza, al posto del nero, che tende a indurire i lineamenti e toglie tridimensionalità.

Con quali nuance dà il meglio
Classic Blue sta bene accanto all’azzurro, che può essere applicato e sfumato tipo acquerello su tutta la palpebra, a differenza del blu intenso, che va mantenuto a piccole dosi. Dall’azzurro pastello al blu navy, passando per il carta da zucchero, possiamo perciò proporre da subito, complici le giornate più luminose, nuance finora ritenute di nicchia, ma che saranno protagoniste tutto l’anno, soprattutto in estate.

Se poi vogliamo ottenere il massimo impatto cromatico dal blu, non dobbiamo fare altro che accostare il suo complementare, l’arancione. Declinato in nuance come il corallo, il pesca, il mango, ne basta un tocco per rendere il blu più brillante e creare un look esotico, in due modi: come ombretto, accanto al blu, stavolta applicato come mascara oppure eyeliner o matita, per un risultato più sobrio.

Classic Blue è estremamente versatile e dà vita a interessanti effetti cromatici:
diventa più classico e sobrio se abbinato a taupe, tabacco, carta da zucchero e grigio medio. Per la sera si può provare una matita blu per definire lo sguardo abbinata a un ombretto grigio o tabacco fino alla piega palpebrale assume una connotazione tropicale con verde lime, giallo fluo e corallo: quest’ultimo è perfetto come rossetto o gloss nelle sere d’estate si rivela colore perfetto per il trucco sofisticato insieme a bianco, nero e antracite. Qui il consiglio è sperimentare e dare spazio alla fantasia si sdrammatizza e diventa trendy con rosa lilla, rosso rabarbaro o ciliegia, giallo senape, rame e oro rosa. Un maquillage ben bilanciato e adatto anche di giorno si costruisce con una semplice riga di eyeliner o matita blu abbinata a un gloss rosso ciliegia o rosa tendente al malva.

Come truccare bocca e unghie
In questo caso è importante seguire una delle regole cardine del makeup, che prevede equilibrio e bilanciamento tra occhi e bocca. Se il trucco occhi è marcato, le labbra saranno delicate, preferibilmente con una punta di pigmento freddo in modo da avere una nuance tendente al rosa. Con l’abbronzatura, però, potremo osare tonalità come il corallo, il pesca o il mango: poiché l’arancione è il colore complementare del blu, come abbiamo visto prima, l’effetto sarà di grande luminosità. Il makeup ottenuto sarà perfetto anche per esaltare l’abbronzatura nelle sere d’estate.
Classic Blue, infine, è un colore stupendo come smalto. Chi non se la sente di osarlo sulle mani, lo può portare ai piedi, magari con i primi sandali nude della stagione.

(a cura di Annalisa Betti, Panorama Cosmetico 1/2020 © riproduzione riservata)

 

Scelti dalla redazione

2020-02-26T15:20:08+00:00